# 8.cartoline.dal.purgatorio.project / Edmond

#8 cartoline dal Purgatorio Project

racconto di 2000 caratteri di Luca Lucherini

 

photo Edmond Kaceli

img_2497

 

Torta

“Un pasticcere, per gli amici Torta, esce di casa per andare al lavoro. Durante la notte un vandalo ha scritto sul muro «Hai compiuto una buona azione oggi?»
Torta resta turbato, la frase gli ronza in testa per tutto il turno. A fine giornata si promette di fare qualcosa di altruistico entro il tragitto di ritorno a casa.
Subito una prima occasione: la sporta biodegradabile di una signora cede, riversando la spesa sul marciapiede. Torta si piega per aiutarla. Appena tocca un pacco di spaghetti la donna inizia a urlare Al ladro. Lui sorride, lei non ricambia.
Sale in macchina, guida distratto, vede un ragazzo con un borsone correre dietro a un tram e perderlo per poco. Starà andando in stazione. Torta accosta e gli chiede se vuole un passaggio. Quello lo scambia per un tassista abusivo. Torta insiste, il ragazzo minaccia di chiamare la polizia.
Allora inizia a chiedersi se quell’ostilità sia dovuta alla sua pelle di nigeriano. Sempre la solita storia? No, si è solo comportato da pazzo. Conclude che dovrà fare qualcosa di anonimo.
Parcheggia in un quartiere di villette. Cammina a lungo senza che gli vengano idee. Vede una bicicletta legata a un palo, una piccola BMX con la catena caduta. Il giovane proprietario gioirà quando la troverà aggiustata. Così si accuccia e prende a macchinare con le maglie metalliche zuppe di grasso.
Ha quasi finito quando un sassolino gli si schianta sull’orecchio. Sembra un insetto, sul momento, poi arrivano altri sassi più grandi. Il gruppo di ragazzi che glieli sta tirando è a pochi passi. Le T-shirt sono trasformate in sacchi pieni di sanpietrini. Torta è costretto a scappare.
Una volta a casa chiude la porta a tripla mandata e serra le tende. Spiritato cerca la figlia di due anni, grida: «Devo fare una buona azione». La moglie è immersa nei fumi del risotto, Ray Charles in sottofondo. «Cosa?» dice. Torta trova la bimba, l’abbraccia, le mani scorrono sul collo, inizia a strozzarla. «Devo salvarti dall’inferno che ci circonda». Il sorriso della moglie diventa una smorfia di terrore. Riesce a colpirlo con una padella.
Quando arriva la volante, un testimone dice di aver visto Torta ripulire una scritta sul muro prima di salire in casa”.

Questa voce è stata pubblicata in IL PURGATORIO. Contrassegna il permalink.